MEPIUTE SALMA AL SHEBAB
Spread the love

SALMA AL- SHEBAB RICERCATRICE

I FATTI

Tutto è iniziato nel 2020 quando Salma al-Shebab 34 anni, madre di due figli decide di tornare nel suo paese d’origine, l’Arabia Saudita, per salutare la sua famiglia e prendersi un anno di pausa dal suo lavoro di ricerca presso l’Università di Leeds nel Regno Unito. Ma la ragazza di certo non poteva immaginare che questo sarebbe stato l’inizio di un vero incubo.

Nell’Arabia Saudita rimane un regime totalitario e spietato, con i diritti umani violati e le voci di protesta represse nel modo più brutale. L’ultima voce arriva da Salma al- Shebab, che è stata condannata semplicemente per aver utilizzato un account Twitter per aiutare le attiviste per i diritti alle donne.

La Freedom Initiative: un’organizzazione per la difesa dei prigionieri detenuti ingiustamente in Medio Oriente e Nord Africa, ha rivelato che la ragazza è stata condannata a 34 anni di carcere dal tribunale saudita per terroristi, per aver utilizzato Twitter e seguire (secondo loro) dei dissidenti che hanno causato disordini pubblici e messo in pericolo la sicurezza nazionale.

Rispondendo alla notizia della sua condanna, la dott.ssa Bethany Al-Haidari,  manager saudita presso la Freedom Initiative, ha dichiarato:

<< L’Arabia Saudita si è vantata con il mondo che stanno migliorando i diritti delle e creando una riforma legale, ma non c’è dubbio con questa frase ripugnante che la situazione stia solo peggiorando. Sfortunatamente non sorprende che MbS si senta più in grado che mai di presiedere a tali eclatanti violazioni dei diritti. Senza alcun reale passo verso la responsabilità, il di Biden a Gedda e l’abbraccio della comunità internazionale devono sembrare un via libera Le autorità saudite devono rilasciare Salma e assicurarsi che i suoi non crescano senza una madre semplicemente perché ha chiesto la per i diritti umani attivisti >>. Bethany Al-Haidari.


LA SITUAZIONE NEL MONDO

Non è una novità per il regno dell‘Arabia Saudita, storicamente noto per non dare spazio alla di parola.

Ma che dire nel resto del mondo?

Egitto: condanna al carcere nel 2021 due influencer per aver pubblicato un video che spronava le a iniziare una carriera sui social media.

Iran: nel 2020 il tribunale condanna alla pena capitale Ruhollah Zam, amministratore del popolare canale di notizie Telegram.

Con l’Afghanistan l’elenco potrebbe continuare all’infinito, e in quasi tutte le accuse ritroviamo gli stessi reati: minacce alla sicurezza nazionale, divulgazione, terrorismo internazionale, ecc…



IL POETA E SCRITTORE BASIR AHANG

Il poeta Basir Ahang ci ha regalato una delle poesie più belle mai scritte per aiutare a comprendere meglio i sentimenti dei residenti che devono lasciare la loro terra. 

LA POESIA: “QUESTO MOMENTO MI APPARTIENE”

𝑄𝑢𝑒𝑠𝑡𝑜 𝑚𝑜𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜 𝑚𝑖 𝑎𝑝𝑝𝑎𝑟𝑡𝑖𝑒𝑛𝑒

𝑃𝑒𝑟 𝑖𝑙 𝑝𝑒𝑟𝑒𝑔𝑟𝑖𝑛𝑎𝑔𝑔𝑖𝑜 𝑒 𝑙𝑜 𝑠𝑐𝑜𝑛𝑓𝑜𝑟𝑡𝑜, p𝑒𝑟 𝑡𝑢𝑡𝑡𝑜 𝑐𝑖ò 𝑐h𝑒 è 𝑠𝑡𝑎𝑡𝑜 𝑒 𝑛𝑜𝑛 è 𝑝𝑖ù.

𝐿𝑒 𝑜𝑟𝑚𝑒 𝑑𝑒𝑖 𝑚𝑖𝑒𝑖 𝑝𝑖𝑒𝑑𝑖 𝑠𝑒𝑔𝑛𝑎𝑛𝑜 𝑖𝑙 𝑡𝑟𝑎𝑐𝑐𝑖𝑎𝑡𝑜 𝑑𝑖 𝑚𝑜𝑙𝑡𝑖 𝑐𝑜𝑛𝑓𝑖𝑛𝑖

𝐷𝑎 𝐾𝑎𝑏𝑢𝑙 𝑎 𝑅𝑜𝑚𝑎 𝐷𝑎 𝑇𝑎𝑚𝑒𝑟𝑙𝑎𝑛𝑜 𝑎 𝐺𝑖𝑢𝑙𝑖𝑜 𝐶𝑒𝑠𝑎𝑟𝑒

𝑃𝑎𝑠𝑠𝑎𝑛𝑑𝑜 𝑝𝑒𝑟 𝑡𝑒𝑟𝑟𝑒 𝑐h𝑒 𝑡𝑟𝑎𝑠𝑢𝑑𝑎𝑛𝑜 𝑑𝑒 𝐺𝑜𝑏𝑖𝑛𝑒𝑎𝑢.

𝑄𝑢𝑒𝑠𝑡𝑜 𝑚𝑜𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜 𝑚𝑖 𝑎𝑝𝑝𝑎𝑟𝑡𝑖𝑒𝑛𝑒

𝐸𝑑 𝑖𝑜 𝑙𝑜 𝑟𝑒𝑔𝑎𝑙𝑜 𝑎 𝑚𝑖𝑎 𝑚𝑎𝑑𝑟𝑒

𝐶h𝑒 𝑝𝑒𝑟 𝑡𝑢𝑡𝑡𝑎 𝑙𝑎 𝑣𝑖𝑡𝑎 h𝑎 𝑟𝑖𝑐𝑎𝑚𝑎𝑡𝑜 𝑖 𝑠𝑢𝑜𝑖 𝑑𝑒𝑠𝑖𝑑𝑒𝑟𝑖 s𝑢 𝑠𝑐𝑎𝑚𝑝𝑜𝑙𝑖 𝑑𝑖 𝑐𝑜𝑡𝑜𝑛𝑒

s𝑜𝑙𝑜 𝑝𝑒𝑟 𝑝𝑒𝑟𝑚𝑒𝑡𝑡𝑒𝑟𝑒 𝑎 𝑚𝑖𝑜 𝑝𝑎𝑑𝑟𝑒 d𝑖 𝑠𝑜𝑓𝑓𝑖𝑎𝑟𝑐𝑖𝑠𝑖 𝑖𝑙 𝑛𝑎𝑠𝑜.

𝑃𝑒𝑟 𝑙𝑒 𝑚𝑖𝑒 𝑠𝑜𝑟𝑒𝑙𝑙𝑒 𝑖𝑠𝑜𝑙𝑎𝑡𝑒 𝑑𝑎𝑙 𝑚𝑜𝑛𝑑𝑜 𝑒 𝑝𝑒𝑟 𝑖 𝑚𝑖𝑒𝑖

𝑓𝑟𝑎𝑡𝑒𝑙𝑙𝑖 𝑐h𝑒 𝑎𝑙 𝑝𝑜𝑠𝑡𝑜 𝑑𝑒𝑖 𝑙𝑖𝑏𝑟𝑖 𝑠𝑒𝑛𝑧𝑎 𝑎𝑣𝑒𝑟𝑛𝑒 𝑙’𝑖𝑛𝑡𝑒𝑛𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒

h𝑎𝑛𝑛𝑜 𝑖𝑚𝑏𝑟𝑎𝑐𝑐𝑖𝑎𝑡𝑜 𝑖 𝑓𝑢𝑐𝑖𝑙𝑖.

𝑄𝑢𝑒𝑠𝑡𝑜 𝑚𝑜𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜 𝑚𝑖 𝑎𝑝𝑝𝑎𝑟𝑡𝑖𝑒𝑛𝑒 𝑒𝑑 𝑖𝑜 𝑙𝑜 𝑑𝑜𝑛𝑒𝑟ò 𝑎𝑙𝑙𝑒

𝑙𝑎𝑐𝑟𝑖𝑚𝑒 𝑒 𝑎𝑙𝑙𝑒 𝑔𝑟𝑖𝑑𝑎 𝑎𝑓𝑓𝑖𝑛𝑐hé 𝑖𝑙 𝑟𝑖𝑓𝑙𝑒𝑠𝑠𝑜 𝑒 𝑙’𝑒𝑐𝑜

𝑠𝑣𝑒𝑔𝑙𝑖𝑛𝑜 𝑖 𝑠𝑜𝑟𝑑𝑖 𝑒 𝑟𝑖𝑑𝑖𝑎𝑛𝑜 𝑙𝑎 𝑣𝑖𝑠𝑡𝑎 𝑎𝑖 𝑐𝑖𝑒𝑐h𝑖 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑚𝑖𝑎 𝑐𝑖𝑡𝑡à.

𝑄𝑢𝑒𝑠𝑡𝑜 𝑚𝑜𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜 𝑛𝑜𝑛 𝑚𝑖 𝑎𝑝𝑝𝑎𝑟𝑡𝑖𝑒𝑛𝑒 𝑝𝑖ù è 𝑡𝑒𝑚𝑝𝑜 𝑑𝑖 𝑎𝑛𝑑𝑎𝑟𝑒

𝑡𝑜𝑐𝑐𝑎 𝑎 𝑚𝑒 𝑟𝑎𝑐𝑐𝑜𝑛𝑡𝑎𝑟𝑒 𝑙𝑒 𝑎𝑐𝑞𝑢𝑒 𝑣𝑎𝑔𝑎𝑏𝑜𝑛𝑑𝑒 𝑑𝑒𝑙 𝑀𝑒𝑑𝑖𝑡𝑒𝑟𝑟𝑎𝑛𝑒𝑜

𝑎𝑓𝑓𝑖𝑛𝑐hé 𝑙𝑒 𝑜𝑟𝑚𝑒 𝑑𝑒𝑖 𝑚𝑖𝑒𝑖 𝑝𝑖𝑒𝑑𝑖 𝑑𝑖𝑣𝑒𝑛𝑔𝑎𝑛𝑜 𝑖𝑛𝑑𝑒𝑙𝑒𝑏𝑖𝑙𝑖.

questo mpmento mi appartiene
Basir Ahang

Basir Ahang è nato in Afghanistan a ma dal 2008 vive e lavora in Italia. Giornalista di professione si occupa prevalentemente di Afghanistan e diritti umani con un’attenzione particolare alla situazione dei rifugiati e delle donne.



DIADIASPORA AFGANA

Con il termine poesia della diaspora si intende un insieme di poetiche create da autori costretti a lasciare il proprio paese di origine per vari motivi, come guerre o persecuzioni politiche e religiose. I temi ricorrenti in tali poesie sono la nostalgia per la patria, la rabbia e il dolore per l’esilio forzato, la condizione di rifugiato, la condanna della guerra e temi classici e universali come l’amore.

LEGGI ANCHE: Shamsia Hassani e le sue opere d’arte.

 

shashamsia hassani opere d'arte



SEGUICI SU INSTAGRAM

INSTAGRAM DI MEPIUTE